Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

LA GRANDE OPERA

Puppato e Fracasso: «Costi aumentati e abnorme spreco del territorio»

VENEZIA – «La Pedemontana veneta sta diventando tutt’altra cosa rispetto al progetto originario con lievitazione di costi, pedaggi non previsti e, soprattutto, abnorme spreco di territorio con evidenti conseguenze per l’ambiente». Lo hanno affermato, incontrando i giornalisti a palazzo Ferro-Fini, Laura Puppato capogruppo del Pd e Stefano Fracasso, annunciando che chiederanno all’assessore Renato Chisso di far luce in aula sulla in occasione di una seduta straordinaria del Consiglio.

Gli esponenti del Pd si riservano inoltre «di ricorrere alla magistratura amministrativa e non». All’incontro hanno partecipato anche un gruppo di amministratori locali ed esperti tra cui l’ex senatore «verde» Giorgio Sarto il quale ha ricordato come

la Finanziaria del 1999 (legge 448 articolo 50) avesse stabilito uno stanziamento per quest’opera con un precisa condizione, ovvero l’obbligo «di assicurare il massimo riuso dei sedimi stradali esistenti e dei corridoi già previsti dagli strumenti urbanistici locali» lasciando «libera percorrenza al traffico locale». «La realtà – hanno affermato Puppato e Fracasso – si sta rivelando decisamente diversa».

(Ansa)

link articolo

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui