Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Dal vertice tenuto ieri in Prefettura a Venezia nessuna indicazione sulla data

Carico nucleare, bocche cucite

Continua a montare la protesta: mercoledì nuovo incontro

Il passaggio è imminente, ma la data non c’è. Nemmeno dopo il vertice di ieri tra la Prefettura e la Protezione civile è stata comunicata ai Comuni la data in cui il convoglio che trasporta pericoloso carico nucleare transiterà lungo l’A4 e il passante di Mestre. L’unica notizia certa è che il materiale radioattivo sarà trasportato una delle prossime notti da Vercelli al porto di Trieste.
«L’incontro con la Protezione civile – spiegano in Prefettura – è servito per fare chiarezza su alcuni aspetti tecnici. In questi casi la data del transito del convoglio viene indicata solo all’ultimo momento per cui bisogna prepararsi. Non appena sapremo il giorno contatteremo subito i sindaci». Nei giorni scorsi i sindaci dei Comuni interessati (nel Miranese sono Mirano, Spinea, Salzano e Martellago) sono stati avvisati che il convoglio, composto da una quindicina di mezzi, passerà in piena notte nel corso di questa settimana. La Protezione Civile è stata allertata domenica e le amministrazioni hanno informato i cittadini, soprattutto alcune decine di famiglie residenti in prossimità dell’autostrada, senza però poter dare notizie precise. Pare che il motivo di questo silenzio da parte delle istituzioni governative sia il timore di manifestazioni di protesta che potrebbero intralciare il tragitto del convoglio. Per motivi di sicurezza l’autotreno correrà al massimo ad 80 Km/h e non potrà mai fermarsi. Per questo gli accessi all’autostrada saranno bloccati al momento del passaggio. Ieri è stata un’altra giornata di frenetici contatti telefonici tra sindaci, Prefettura e forze dell’ordine, ma senza riscontri concreti. A Mirano la notizia ha fatto molto parlare: per le vie del mercato cittadino come su Facebook, i cittadini chiedono maggior informazione. «Questo caos informativo ci lascia perplessi e il silenzio degli ultimi giorni mette un pò paura» commentano dal circolo Legambiente del Miranese. Mercoledì in Prefettura è previsto un nuovo incontro per definire gli ultimi dettagli dell’operazione, nel corso del quale sarà completata l’informazione ai sindaci dei Comuni interessati dal passaggio del convoglio.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui