Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

VEDELAGO – La portavoce Fiorenza Morao, in veste di consigliere, chiede i riscontri al Comune

Primavera Civica non si ferma, anzi: l’attacco a Quaggiotto continua. Dopo le motivazioni rese dal sindaco in merito al mancato pagamento di Ici e Imu, la portavoce Fiorenza Morao pone una serie di quesiti:

«Chiedo di conoscere se siano stati inviati avvisi di accertamento alla “Quaggiotto Immobiliare Snc”, dell’Imposta Ici per gli anni 2004, 2005, 2006 e 2007. In caso positivo di averne copia. E di conoscerne le date di pagamento».

La Morao viuole sapere se la stessa azienda abbia saldato il debito Ici relativo agli accertamenti del 2008 e 2009 e di conoscere se abbia pagato l’imposta Ici relativa agli anni 2010 e 2011 e l’imposta Imu relativa alla prima rata 2012. In definita, conoscere la cifra totale dell’eventuale credito che il comune di Vedelago vanta nei confronti della stessa. L’altro quesito è più generale:

«Quante sono le ditte del comune non in regola con i versamenti Ici e Imu, e a quanto ammonta il credito che il comune vanta nei loro confronti? E quante di esse hanno eventualmente concordato un piano di rateizzazione del debitio?».

La portavoce di Primavera civica giusitifa così la richiesta:

«Lo faccio nell’esercizio delle funzioni di controllo, proprie del consigliere comunale, ritenendosi indispensabile garantire una doverosa e costante azione di vigilanza, rispetto al corretto e irreprensibile esercizio delle funzioni di pubblico interesse da parte dei soggetti che svolgono funzioni istituzionali».

Infine la stilettata finale.

«Il sindaco percepisce uno stipendio lordo di 2.478,99 euro al mese, quasi 30 mila all’anno. Utilizzi parte dello stipendio per saldare il debito e solo allora potremo credere alla sua buona fede».

Giorgio Volpato

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui