Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Agricoltura, ricette anti-siccita’

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

6

nov

2012

conferenza in regione

Conte: adeguare le tariffe idriche. Manzato: Roma ci dia 2 miliardi

VENEZIA. Conferenza a palazzo Ferro Fini sulla risorsa acqua con i Consorzi di bonifica, Autorità di bacino, Ato e gestori, Università, Veneto Agricoltura, organizzazioni e ordini professionali. Marco Monai dell’Arpav ha prospettato lo scenario prossimo e futuro: «Ci sarà minore disponibilità d’acqua e maggiore aumento della temperatura di 3–4 gradi». Vincenzo Bixio, cattedratico della facoltà di ingegneria idraulica dell’Università di Padova, ha ricordato che l’ultima grande opera a scopo irriguo, il canale Adige–Guà–Bacchiglione, risale a 50 anni fa. «Anche gli agricoltori possono fare la loro parte modificando le tecniche irrigue dai sistemi a scorrimento che consumano 1–2 litri d’acqua per ettaro, a quelli ad aspersione che dimezzano il consumo o meglio ancora quelli a pioggia che richiedono solo un terzo di litro per ettaro». Mariano Carraro, segretario regionale per l’ambiente, ha avanzato un suggerimento: «Risparmiare acqua. Il singolo cittadino può recuperare la pioggia sui tetti predisponendo serbatoi. Quest’acqua potrebbe essere impiegata ad esempio per lo sciacquone del bagno o per annaffiare giardini». L’assessore all’Ambiente Maurizio Conte: «Dobbiamo lavorare sul costo dell’acqua facendo pagare a tutti il canone di derivazione e le concessioni adeguando le tariffe». Infine l’assessore all’Agricoltura Franco Manzato: «Il Veneto attende da Roma un miliardo di euro dal piano irriguo nazionale per avviare le opere già progettate dai consorzi di bonifica e chiede stanziamenti per un altro miliardo di euro dal fondo nazionale di solidarietà per fronteggiare le emergenze calamitose».

Nadia De Lazzari

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui