Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Dolo, “Stop alle aperture domenicali”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

9

nov

2012

L’Ascom: i centri commerciali stanno uccidendo i piccoli negozi

DOLO. «Le aperture domenicali dei centri commerciali stanno creando disagi enormi ai negozi della Riviera del Brenta. Per questo chiediamo un intervento dei sindaci a tutela del nostro settore per bloccare la crisi che ci colpisce». Il grido d’allarme è lanciato da Umberto Cogno, vicepresidente Ascom della Riviera, che prendere posizione contro l’apertura domenicale dei centri commerciali. Per Cogno queste iniziative, assieme alla crisi che colpisce da tempo il settore, stanno creando grossi problemi ai commercianti del territorio.

«Le aperture domenicali fanno sì che i nostri centri storici si svuotino completamente nonostante le attività e i mercatini che vengono organizzati dai Comuni e da molte associazioni per invogliare la gente a rimanere nel loro paese. Noi non possiamo neanche cercare di controbattere le loro iniziative perché i costi sono insopportabili rispetto agli introiti. La crisi si fa sentire e rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso abbiamo notato un calo nelle vendite pari al 60%».

L’esponente dell’Associazione commercianti pensa ai dipendenti.

«Critico il provvedimento anche perché va contro i dipendenti dei negozi», puntualizza il vicepresidente Ascom, «che devono lavorare anche di domenica senza ottenere un adeguamento dello stipendio essendo un giorno festivo».

Per questo motivo Umberto Cogno chiede l’intervento dei sindaci a tutela della categoria:

«Lanciamo un appello ai sindaci della Riviera perché intervengano a salvaguardia dei commercianti e perché questo è un danno anche per il territorio. Bisogna muoversi subito perché il prossimo anno si prospetta ancora più difficile e ci potrebbero essere molti commercianti costretti a chiudere la loro attività o licenziare il personale».

Giacomo Piran

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui