Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Aperture domenicali, sindacati con la Cei

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

21

nov

2012

VENEZIA. Filcams Fisascat e Uiltucs aderiscono e condividono le motivazioni della raccolta di firme che si terrà davanti alle chiese domenica prossima contro la liberalizzazione senza regole delle aperture domenicali e festive. «Noi, come le motivazioni della raccolte di firme, sosteniamo che la materia delle aperture e degli orari deve tornare alle Regioni che nel confronto sul territorio trovino soluzioni delle aperture nello spirito del rispetto della festività» sostengono i sindacati.

«La battaglia delle domeniche non è solo una battaglia di fede ma antropologica, come giustamente sostiene monsignor Bregantini. Il senso del riposo domenicale ha un valore di fede, che noi rispettiamo, ma anche una funzione di alimentare relazioni sociali, rispetto per le lavoratrici ed i lavoratori, consumo responsabile, curare lo spirito».

I sindacati sostengono che le aperture domenicali non hanno aumentato e non aumentano i consumi, non creano buona occupazione, svuotano i centri storici, alimentano un mercato senza regole dove vince il più forte.

«Anche noi vogliamo un lavoro che dia dignità ed una società dove ci sia consapevolezza e responsabilità». Per questo invitano «le lavoratrici e i lavoratori del commercio e di tutti i nostri settori a sottoscrivere l’appello della Cei». Chiedono inoltre che in questi giorni, «Comuni, associazioni imprenditoriali, consumatori, partiti, si esprimano chiarezza e forza perché il giorno della festività di Natale le attività commerciali rimangano chiuse».

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui