Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

MARGHERA – Un articolo sull’Osservatore Romano

«Vogliamo erigere un monumento alla finanza speculativa?»

Nella polemica sul Palais Lumiere di Pierre Cardin, alto sessanta piani, progettato per il rilancio di Porto Marghera e destinato a modificare lo skyline di Venezia, il quotidiano della Santa sede “L’Osservatore Romano” ospita un articolo di Paolo Portoghesi contrario la sua realizzazione, tanto che parla di «gigante squarciato».

«L’insediamento commerciale di Pierre Cardin – spiega l’architetto, già presidente della Biennale di Venezia, darà anche lavoro a molta gente, quanta ne darebbe se si fosse attenuto alle altezze consentite, ma la sua ragion d’essere non è un programma produttivo industriale ma un programma pubblicitario per il quale l’altezza è necessaria, perché solo facendo un gigante squarciato il sarto potrà trovare le favolose risorse economiche necessarie. L’aspetto etico – prosegue – sta proprio in questa inscindibilità: l’edificio deve essere alto per colpire l’attenzione, per sollecitare la risposta dei media, per mettersi in gara con le stentoree meraviglie dei Paesi del Golfo».

Una sorta di spot pubblicitario, insomma, sullo sfondo da cartolina di una città unica al mondo, da cui trarre tutto il possibile in termini di immagine e di “ricaduta” internazionale. Il tutto rafforzato dall’intento di bonificare un’area degradata come Porto Marghera, da sempre al centro di progetti di rilancio mai davvero decollati.

«Il danaro liquido in questo momento di crisi – osserva ancora Portoghesi – è in mano agli speculatori della finanza, gli stessi che la crisi hanno ingigantito e che continuano a sfruttarne le oscillazioni. C’è da chiedersi se davvero vogliamo erigere un monumento alla finanza speculativa».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui