Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Da domani le firme contro le aperture domenicali

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

24

nov

2012

Cei e Confesercenti alleati per raccogliere 50mia firme al fine di cambiare la legge sulle liberalizzazioni

Confesercenti e Cei scendono in piazza per dire stop alle aperture domenicali. Da domani infatti, su tutto il territorio nazionale, comincerà la raccolta firme di “Liberaladomenica”, la campagna promossa dall’associazione dei piccoli e medi commercianti in collaborazione con Federstrada e Conferenza episcopale italiana. L’obiettivo è quello di raccogliere almeno 50mila firme necessarie per modificare la legge che regola le aperture domenicali e ridare alle Regioni le competenze in materia di orario di lavoro.
A Mestre si potrà firmare domattina, dalle 10 alle 12.30, recandosi ai banchetti posizionati davanti al sagrato del Duomo di San Lorenzo, in Piazza Ferretto. Alle 12.15 arriveranno anche il direttore di Confesercenti Maurizio Franceschi, don Gianni Fazzini incaricato per la Pastorale degli Stili di Vita della Diocesi di Venezia ed il Vicesindaco Sandro Simionato. Anche in altri comuni verranno predisposti punti di raccolta: a Noale davanti alla Chiesa di San Felice e Fortunato, a San Donà davanti al Duomo e a Chioggia, difronte alla Chiesa di San Giacomo.

«E non è che l’inizio – ha dichiarato don Gianni Fazzini – La nostra non vuole essere una guerra, ma una giusta presa di posizione, a favore di un’iniziativa per la difesa di famiglie e lavoratori. L’apertura domenicale non fa male solo alle famiglie, ma anche alla città e ai piccoli negozi, che non hanno le forze necessarie per sopravvivere alla concorrenza della grande distribuzione». Il parroco sottolinea poi come la campagna sia rivolta a tutti i cittadini, credenti e non: «La domenica deve tornare ad essere la giornata delle relazioni e delle persone che si amano. Bisogna uscire, riscoprire le cose belle insieme ai propri cari».

Domani sarà il primo giorno di raccolta firme, ma l’iniziativa continuerà fino ad aprile. Per scoprire modalità, luoghi e giorni di raccolta, basterà collegarsi al sito www.veneziastilidivita.it o telefonare allo 041-5381479. Per poter firmare, sarà necessario essere residenti nel comune ed esibire un documento d’identità valido.

Claudia Gioia

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui