Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Ortaggi e balle di paglia contro Veneto City

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

24

nov

2012

Manifestazione di “Opzione Zero” fuori dal cinema Italia a Dolo durante il convegno di Apindustria per contestare il megaprogetto edilizio e commerciale

DOLO. «Una battaglia per la terra come bene comune. Bisogna fermare Veneto City non solo per salvaguardare ambiente e territorio, ma anche per il nostro futuro». Questi sono i temi centrali di “Sotto la neve pane, sotto il cemento fame”, manifestazione inscenata questa mattina dal comitato “Opzione Zero” in concomitanza con l’assemblea provinciale di Apindustria che si è svolta al cinema teatro Italia di Dolo. Una cinquantina di attivisti hanno protestato in maniera “alternativa” creando dei piccoli orti lungo via Comunetto con la prodotti locali a chilometro zero, dagli ortaggi alle balle di paglia, e distribuendo il “pane logistico” realizzato con il grano coltivato a Vetrego.

«Con il grano prodotto nei 70 ettari di Veneto City», ha detto Mattia Donadel, «si potrebbe dare pane a tutti i cittadini di Dolo per un anno».

Nel frattempo all’interno dell’assemblea l’architetto Daniele Agnolon, coordinatore progetto urbanistico di Veneto City, ha tracciato lo stato del progetto. «Entro giugno 2013 presenteremo il piano urbanistico attuativo che sarà poi valutato e approvato dai Comuni di Dolo e Pianiga in un tempo stimato in 8-12 mesi. Quindi presenteremo i piani edilizi che riguardano circa 340 mila metri quadri dei 748 mila totali. Si partirà dalla zona più a ovest vicino alla nuova stazione della metropolitana di superficie». Se non ci sono intoppi i cantieri potrebbero partire nel settembre 2014.

link articolo

 

CLICCARE QUI PER VEDERE LE FOTO

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui