Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al Consiglio di Stato. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso Consiglio di Stato contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

CONFESERCENTI

MARTELLAGO. Il Consiglio comunale di Martellago ha dato il via libera alla proposta del rappresentante del Pdl Paride Costa ad aderire alla campagna di Confesercenti “Libera la domenica”. Un voto quasi unanime all’ordine del giorno quello di lunedì sera, che mira a far tornare alla Regione la competenza sulle aperture straordinarie e salvaguardare i piccoli negozi. Solo Francesca Trevisan (Pd) ha deciso di astenersi. Ora sarà inviato un documento a Palazzo Balbi per confermare il sì di Martellago. L’iniziativa dell’associazione di categoria, scattata nel fine settimana a livello nazionale, è appoggiata dalla Conferenza episcopale italiana (Cei) e da Federstrade. L’obiettivo di Confesercenti è arrivare a 50 mila firme, per poter presentare al Parlamento una legge d’iniziativa popolare, mettendo un freno a quanto deciso dal decreto Salva-Italia del governo di Mario Monti. Martellago ha deciso di aderire, come già fatto da Noale da dove è partita la campagna nel Miranese, e i primi effetti si vedranno già con le iniziative di Natale. Per sabato 8, giorno dell’Immacolata, domenica 9 e 16 dicembre, saranno allestiti dei banchetti per la raccolta delle sottoscrizioni.(a.rag.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui