Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Risposta dell’Anas alle mail di protesta e proposta

Posted by Opzione Zero in Comunicati Stampa | 0 Comments

20

dic

2012

L’ Anas sta rispondendo alle mail di protesta e proposta comunicando che le richieste vanno inviate direttamente alla CAV S.p.A, perché le attività di concedente e quelle di vigilanza sulle concessionarie autostradali, per le autostrade a pedaggio, precedentemente esercitate dall’Ispettorato di Vigilanza Concessioni Autostradali dell’Anas SpA, sono state trasferite al Ministero delle Infrastrutture e Trasporti.

Chi ha aderito all’iniziativa non deve fare nulla in quanto le mail che sono state inviate tramite il nostro sito web erano indirizzate anche alla CAV S.p.A e a Corrado Passera (Ministro Infrastrutture e Trasporti).

Se non ci dovessero essere riscontri positivi alle nostre richieste, saranno fatte ulteriori iniziative. 

 

Copia delle mail che sono state inviate tramite il nostro sito web

Presidente Regione Veneto L. Zaia, Assessore R. Chisso, Commissario S. Vernizzi

Consiglio di amministrazione di CAV S.p.A.
Consiglio di amministrazione di ANAS

Ministro Infrastrutture e trasporti Corrado Passera

per conoscenza:

Alla Corte dei Conti del Veneto
Ai Sindaci di Dolo e Mirano

Il problema del “tornello” presso il casello autostradale di Vetrego va risolto perché crea inquinamento e intasamento della viabilità locale. Come soluzione la società concessionaria CAV SpA, (ANAS-Regione Veneto) vuole incrementare il pedaggio autostradale Mirano-Padova Est, equiparandolo alla tratta Mestre-Padova Est con un aumento assolutamente spropositato rispetto agli attuali 70 centesimi.
Tutto questo è inaccettabile perché significa penalizzare pesantemente e ancora una volta cittadini e lavoratori che già devono fare i conti con la crisi. L’ aumento è tanto più inaccettabile se si tiene conto che CAV SpA nel 2011 ha incassato la ragguardevole cifra di 17 milioni di euro di utile, soldi pubblici.
CAV inoltre è inadempiente rispetto agli accordi sul Passante perché non ha proceduto ad arretrare la barriera di Villabona a Roncoduro, nonostante proprio nell’area di Roncoduro siano già stati spesi milioni di euro pubblici per realizzare rilevanti opere stradali in previsione della riapertura dell’accesso autostradale di Dolo.

Chiedo quindi che:
– Per risolvere il problema del “tornello” a Vetrego si utilizzino gli utili di CAV SpA per uniformare la tariffa in basso invece che in alto, fissando il pedaggio a 70 centesimi o al massimo ad 1 euro su tutta la tratta Padova Est – Mestre.
– Venga stralciato il progetto del nuovo casello di Albarea del costo di 28 milioni di euro e venga invece liberalizzato il tratto Dolo-Mestre arretrando la barriera di Villabona, così come previsto dagli accordi sul Passante (Delibera CIPE n. 80 del 7 novembre 2003);
– Si utilizzi una quota significativa degli utili di CAV SpA per migliorare e potenziare il trasporto pubblico locale a cominciare dal sistema di metropolitana di superficie (SFMR)

Distinti Saluti

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui