Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

All’iniziativa, organizzata da don Albino Bizzotto, hanno aderito venti comitati: «Vogliamo il reato di delitto contro la Terra»

VICENZA – Circa 150 persone questa mattina a Sarcedo (Vicenza) hanno partecipato ad una messa di Natale per Madre Terra alla Torre di Santa Barbara, a ridosso del cantiere della Pedemontana veneta. Organizzata da Beati i Costruttori di Pace, ha visto l’adesione di una ventina di comitati a tutela del territorio, provenienti da diverse parti del Veneto.

Alla presenza anche di famiglie con bambini, fra tanti striscioni e bandiere della pace, nell’omelia della celebrazione don Albino Bizzotto si è chiesto se possa esistere il reato di delitto contro la Terra. Il sacerdote ha ricordato come tutta la realtà, dal sasso alla coscienza più evoluta, siano in relazione fra loro e debba quindi esserci una responsabilità totale di ciascuno verso il Creato. Alla fine tutti partecipanti hanno sottoscritto un appello rivolto alle comunità ecclesiali, agli amministratori locali e agli imprenditori.

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui