Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Venezia. Pat, nasce la nuova citta’

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

24

dic

2012

URBANISTICA – Il consiglio comunale ha approvato il piano strategico per il territorio metropolitano

Stop alle grandi navi, scatta l’iter per stadio e il Quadrante di Tessera

Il criterio è quello di non “consumare” suolo, ma di valorizzare gli spazi già esistenti. Certo, lo sviluppo della città – Venezia, Mestre, Marghera – è garantita. Lo “sfogo” sarà verso Tessera e il suo Quadrante. Il resto dovrà essere valorizzato ma senza “mangiucchiare” nuovi territori. E se soluzioni ci dovranno essere queste saranno “in verticale”, recuperando gli spazi esistenti all’interno dei perimetri cittadini. É un po’ questa la filosofia del Pat, il Piano di assetto del territorio, approvato l’altro giorno in consiglio comunale con 22 voti favorevoli, sette contrari (Pdl, Lega, Prc, Funari) e due non votanti (Conte del Pd, Lastrucci).
Un “passaggio” storico che punta a delineare la città soprattutto in funzione metropolitana. E in questo senso vanno intesi in particolar modo scelte strategiche come l’area di Tessera (stadio, casinò, zone sportive); il no attuale alla seconda pista dell’aeroporto, ma con ampi margini di manovra sul futuro, anche in relazione agli assi con gli scali di Treviso e Trieste; la scelta per un rilancio della manifattura a Porto Marghera secondo standard da Terzo millennio e infine la “grande partita” della mobilità che farà perno sul tram, sul raccordo con il Sistema ferroviario metropolitano costituendo una grande “C” in relazione all’interscambio tra Venezia-Santa Lucia-Mestre-Aeroporto. Criteri che hanno portato anche al “no” al progetto sulla sublagunare anche se – come riferiamo qui sopra – la “metropolitana” rimane all’ordine del giorno, sempre che vi sia un progetto adeguato e nuovo, e non quello finora conosciuto ormai superato dalle circostanze e dalle innovazioni tecnologiche. Altro punto centrale anche il “no” deciso alla grandi navi nella Laguna di Venezia.
«É un piano – chiarisce l’assessore all’Urbanistica, Ezio Micelli – che ricalibra la città d’acqua e di terra. Mi ritengo molto soddisfatto. Non puntiamo all’espansione territoriale, ma a ricostruire». E sul Pat approvato gongolano Giuseppe Caccia, Camilla Seibezzi e l’assessore Gianfranco Bettin (In Comune). «Tanti elementi positivi – sostengono – e condivisi con la cittadinanza per il governo del territorio bloccando mire speculative e imposizioni dall’alto». Carlo Pagan (Pd) ribadisce invece l’impegno del Partito Democratico: «Abbiamo detto sì ad uno strumento di pianificazione strategica fondamentale – sottolinea – che tiene, tra l’altro, in forte considerazione la questione ambientale e la tutela del territorio». Contesta l’approvazione del Pat, Sebastiano Bonzio (Prc): «La mia idea – taglia corto – era diversa, oltre che nei contenuti, anche nel metodo. É stato dato l’ennesimo schiaffo alla partecipazione democratica dei cittadini e pure, per altri versi, al consiglio comunAale».
P.N.D.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui