Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Gelo sulla torre di Cardin

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

28

dic

2012

TORRE DELLA LUCE A MARGHERA

LA TRATTATIVA – Il sindaco: «Un atteggiamento che non ci dà tranquillità»

Cardin, sul piatto “solo” 800mila euro

Lo staff dello stilista ha proposto una caparra di “soli” 800mila euro, perplessità in Comune

RETROSCENA – Lo staff dello stilista voleva garanzie prima di stanziare grosse cifre

IL SINDACO «Così non si va lontani, per la caparra dovevano versare almeno 5 milioni»

L’ASSESSORE – Bergamo: «L’accordo vale, non ci sono più alibi: ora si va in Consiglio»

Il gruppo di Pierre Cardin ha offerto al Comune circa 800 mila euro di caparra per i terreni del Palais Lumière, niente di più.
«Non so neanche se fosse vero, è una battuta che mi hanno fatto i rappresentanti del Gruppo ma non mi è stata consegnata alcuna offerta formale» afferma il sindaco di Venezia, Giorgio Orsoni: «Devo dire, però, che sono rimasto un po’ deluso, è un atteggiamento che non ci dà tranquillità, nettamente in contrasto con l’interesse che avevano dimostrato per realizzare l’opera».
Il Comune chiedeva 40 milioni di euro, tra anticipi sui costi delle aree e sulle opere di urbanizzazione, e il nipote di Cardin, Rodrigo Basilicati, ha più volte detto che suo zio non è Babbo Natale e che avrebbe pagato solo il dovuto.

«Lasciamo perdere le richieste, tra l’altro legittime, limitiamoci alla caparra per le aree: per un preliminare del genere il privato normalmente versa almeno un 20% della somma dovuta, nel nostro caso il gruppo Cardin dovrebbe versarci almeno 5 milioni di euro, sempre se è seriamente intenzionato a comperare. Noi comunque siamo disposti ad andare avanti in qualsiasi momento, se davvero ci dimostrano di voler realizzare la torre».

E la prima dimostrazione, oltre ai soldi della caparra, dovrebbe essere il progetto.

«Non c’è. Abbiamo visto solo dei rendering e alcuni conti di fattibilità, niente di più – aggiunge l’assessore comunale all’Ambiente, Gianfranco Bettin -. Forse non sono ancora convinti di fare l’intervento».
Nel frattempo cosa farete voi? «Ragioneremo con molto rigore sull’impatto ambientale dell’opera, come già stiamo facendo. Tutti la prendono sottobanco, come fosse una cosa già risolta, come se si potesse fare allo stesso modo dell’Enac, che ha concesso una deroga ad una torre alta più del doppio del consentito per norma».
Quali sono i problemi ambientali da risolvere? «Innanzitutto ci sono tre falde sotterranee da attraversare, evitando che entrino in comunicazione tra loro. In secondo luogo c’è un terreno inquinato da bonificare. Solo in un punto è incontaminato ma per usi industriali, mentre se parliamo di residenze, università, cinema e quant’altro, la bonifica va fatta in tutta l’area».
Non c’è, allora, solo un ostacolo economico. «Già, dipenderà dalla disponibilità delle aree e anche dagli altri problemi che si incontreranno strada facendo».
Compreso quello del vincolo opposto dalla Soprintendenza ai beni culturali e paesaggistici. «Già, anche se quello non ci riguarda. Noi siamo convinti che quel vincolo non ci sia ma non dipende da noi. Forse è questo che ha bloccato Cardin e lo ha convinto a proporre un chip così basso per la caparra».

Un’offerta che non è neanche da prendere in considerazione, afferma l’assessore alla Mobilità, Ugo Bergamo:

«L’accordo firmato con il gruppo Cardin, ad ogni modo, deve essere presto approvato dal Consiglio comunale dopodiché l’Amministrazione veneziana avrà fatto tutto ciò che deve fare e non ci saranno più alibi per nessuno». Basilicati, amministratore delegato del gruppo di Cardin, lo considera solo una bozza di preliminare. «Per noi è un accordo vero e proprio e quando il Consiglio lo avrà approvato, poi starà a Cardin fare tutti i passi che deve fare se davvero vuole costruire il Palais Lumière; e se davvero lo vuole pronto per il 2015 dovrà correre».

Nelle file dell’opposizione, intanto, Marta Locatelli del Pdl interpella l’assessore competente perché verifichi la reale fattibilità dell’operazione:

«Da mesi dico che il Comune si sta muovendo con eccessiva approssimazione. Il progetto da un punto di vista della sua “bancabilità” con gli istituti di credito non è stato mai analizzato, questione che in realtà avrebbe dovuto essere prioritaria. E nonostante le premesse poco rassicuranti già si annuncia che il tram arriverà al Palais Lumière. Non è serio».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui