Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Caro autostrade: ecco le nuove tariffe

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

2

gen

2013

Venezia-Padova e Udine-Trieste: le tratte costano 30 centesimi in più

Una buona parte dei ricavi servirà a finanziare i lavori per la terza corsia

Aumenti medi del 12,63% sulla rete autostradale di Autovie Venete, la più estesa del Nordest, ma non uguali su tutte le tratte. Sono gli adeguamenti più salati d’Italia dopo il nodo valdostano (+14,4%) e quelli appannaggio della Cav per Passante di Mestre e Venezia-Padova (oltre il 13%). Nel giorno di San Silvestro i tecnici si sono messi al lavoro, dopo il via libera finale giunto dall’Anas, per mettere a punto i pedaggi scattati con l’arrivo del nuovo anno. La classica tratta friulgiuliana Udine-Trieste (A23 e A4) passa per le autovetture da 3,30 a 3,60 euro, quella del solo tratto di A23 da Udine a Palmanova da 1,40 a 1,50. A cavallo fra Veneto e Friuli, per andare lungo la A4 da San Donà a Trieste prima si pagavano 6,20 euro e ora si sborsano 6,90 euro, mentre sulla tratta Godega-Conegliano della A28 restano invariate le tariffe per vetture e furgoni (in entrambi i casi 40 centesimi), mentre aumentano di 10 centesimi le tariffe per autocarri, Tir e autoarticolati.
E se da Udine a Latisana un’autovettura dovrà pagare 3,20 euro (40 centesimi di maggiorazione), i rincari si fanno sentire anche da Venezia Est a Portogruaro (ora si pagano 5,90 euro per le vetture e fino a 14,40 euro per i mezzi pesanti a 5 e più assi). Del pari, da Venezia Est a Trieste la nuova tariffa è stata fissata in 10,10 euro per le autovetture, ma un “bisonte” della strada arriva a pagare 24,40 euro. Una buona parte dei ricavi andrà a finanziare i lavori per costruire la terza corsia A4, sebbene ne possano rappresentare soltanto una parte marginale: occorre infatti un prestito da oltre 2 miliardi per sostenere un piano finanziario che nel 2009 indicava costi per 2,3 miliardi ma che “viaggia” ormai verso una prospettiva di oltre 2,7 miliardi effettivi. Ed è proprio tale piano finanziario, approvato a suo tempo da Anas e Governo, a prevedere una serie di rincari a cadenza annuale fino al 2017, allorché nel mese di marzo scadrà l’attuale concessione autostradale.
Autovie sottolinea che il 2,5 dei pedaggi incassati viene girato all’Anas e che il 21% è rappresentato dall’Iva, sulla quale peraltro la Regione Friuli Venezia Giulia riscuote in regime di compartecipazione fiscale il 91% del gettito.

La procedura di formazione della tariffa segue il principio del “price-cap”, che comprende il recupero dell’inflazione programmata più una serie di variabili legate alla qualità del servizio, alla pavimentazione e al tasso di incidentalità. Ma soprattutto la massa degli investimenti realizzati o in corso.

Ed è chiaro che a fare la differenza di prezzo (la media nazionale degli aumenti è infatti del 2,91%) è l’imponenza degli impegni finanziari per la terza corsia, che in questo momento è una fra le principali grandi opere in corso a livello europeo.
Un conto salato anche quello che sono costretti a sborsare i pendolari tra Padova Est e Mestre (quelli che, beninteso, non escono e rientrano subito al “tornello” di Dolo): da 2,90 euro si è passati a 3,20. Chi invece da Padova va verso Ovest non troverà alcun aumento. Decisione che però non è piaciuta ai gestori della tratta fino a Brescia.

 

IL CASO BRESCIA-PADOVA

Aumenti congelati, protestano i gestori

VENEZIA – Sulla Brescia-Padova e altre tre tratte di concessionarie controllate dal gruppo Gavio (Milano-Torino, Torino-Piacenza e Tirrenica) i rincari sono stati congelati dai ministeri competenti. Aiscat, associazione dei concessionari, parla di decisione «incomprensibile» e denuncia «la scarsa attenzione sia nei confronti del mercato sia degli investitori».
«A fronte dell’impegno profuso da parte dell’intero comparto autostradale anche nel 2012 – lamenta l’Aiscat – risulta del tutto incomprensibile l’azione del governo, in forza della quale è stato sospeso per alcune concessionarie ogni adeguamento tariffario, ovvero è stato riconosciuto solo un parziale adeguamento, pur in presenza di rilevanti investimenti già realizzati».
Le società ricordano che c’è già un impegno a realizzare investimenti per circa 40 miliardi di euro. «Investimenti il cui finanziamento è da considerarsi ora a rischio se viene meno la certezza regolatoria, con pesanti conseguenze – avverte l’Aiscat – per il sistema autostradale e per il sistema Paese». E allora le concessionarie autostradali per le quali gli aumenti sono stati bloccati, e alcune delle quali quotate, «valuteranno eventuali azioni legali a loro tutela».
AUTOBRENNERO

Sull’A22 traffico leggero in diminuzione: -2,8% nel 2012

TRENTO – Sull’autostrada A22 del Brennero le nuove tariffe sono aumentate dell’1,21% rispetto all’anno scorso. A comunicarlo è la società di gestione, Autobrennero spa, che riporta l’incremento delle tariffe del 32,36% dal 1996 al 2012, con una media annuale dell’1,9%, a fronte di un’inflazione dal 1996 al 2011 pari al 39,4%. L’andamento del traffico del 2012 ha fatto segnare un calo di quello leggero. Confrontando i dati dal 1 gennaio al 27 dicembre 2012 con quelli dell’anno precedente, sull’A22 risultano entrate pari a 3.086.251 veicoli per il traffico leggero, un -2,82% rispetto al 2011, e uscite pari a 3.229.397, un -0,78%.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui