Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

pedaggi sulla a4

DOLO. Continuano le proteste contro i prospettati aumenti del pedaggio nella tratta autostradale Padova – Mestre dell’A4. Ad intervenire sono Giorgio Gei (Ponte del Dolo) e il comitato Opzione Zero.

«Riteniamo che i sindaci della Riviera e del Miranese non debbano limitarsi al giusto impegno per ottenere sconti per i loro pendolari» dice Gei, «I Comuni dovrebbero richiedere il rispetto degli accordi stipulati per il Passante e fare propria la proposta che prevede il pagamento di un euro da Padova a Mestre o ci ritroveremo la Brentana e le altre strade locali invase dal traffico».

Il comitato Opzione Zero non lesina critiche al sindaco di Dolo, Maddalena Gottardo. «Se il sindaco intende seriamente portare avanti gli interessi del suo territorio» affermano Rebecca Rovoletto e Lisa Causin,

«dovrebbe chiedere l’arretramento della barriera di Villabona a Dolo per consentire di riaprire completamente il vecchio casello e non sprecare denaro per la riapertura parziale del casello solo in direzione di Mestre».

(g.pir.)

link articolo

 

  1. 2 Comments

    • linda says:

      solo in italia possono esistere situazioni simili, le code e il disagio che si creano ogni mattina al casello di dolo è indecente, una vergogna

    • Lucia says:

      Hanno promesso di sistemare la situazione ancora a novembre 2012 con l’uscita dei primi articoli sull’aumento della tariffa padova – venezia. Non trovo corretto che NOI PENDOLARI, che facciamo quotidianamente la tratta pd-ve dobbiamo pagare il peso maggiore di questa scelta di aumentare le tariffe. Vergognoso inoltre il tornello che ogni pendolare è costretto a fare 2 volte al giorno per poter pagare meno e rimanere in coda per decine di minuti aumentando considerevolmente il tragitto!!! E’ vero: solo in Italia possono succedere cose di questo genere!!!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui