Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

La previsione delle schede regionali: entro tre anni scompariranno anche 33 primariati. L’Angelo riferimento provinciale.

Portogruaro viene confermato presidio ospedaliero unico di rete su due sedi: a Portogruaro troveranno posto l’area medica, la chirurgia ordinaria, l’Ortopedia, l’Urologia e l’area riabilitativa; a San Donà l’attività medica e il day surgery. Il primariato di Ostetricia va a S. Donà; a Portogruaro resterà solo l’attività ostetrica. Jesolo salva i 3 primariati e gli 83 posti letto: diventa come ospedale di rete con attività medico riabilitativa.

Asl 12 Veneziana. L’ospedale dell’Angelo di Mestre è “l’ospedale hub”, il centro di riferimento provinciale per le Asl 10, 13 e 14 e riferimento per le Asl 10 e 14 per l’Anatomia patologica. Sede (nel padiglione Rama) della Banca degli occhi, centro di ricerca di altissimo livello, prima banca in Europa per numero di cornee raccolte e distribuite, è anche la sede della Centrale operativa del Suem 118.

È l’unico ospedale per cui si prevede un aumento di primariati (da 36 a 38); non si salva però dal bisturi che taglia i posti letto: da 592 a 575. Nel “presidio ospedaliero di rete” di Venezia centro storico saranno garantite l’attività medica, chirurgica e riabilitativa. Pesantissima la scure prevista: quasi dimezzate le apicalità (da 25 a 14) e fortemente ridotti il numero di posti letto (da 404 a 318). Nulla si dice in merito alle strutture private convenzionate, in particolare della terraferma (Villa Salus e Policlinico San Marco) quanto a dotazioni, personale, ruolo.

Asl 13 Mirano-Dolo-Noale. Come per l’Asl 10 anche l’Asl 13 si prevede un presidio ospedaliero unico” in due sedi: a Dolo l’attività medica e riabilitativa, a Mirano l’attività medica e chirurgica. Rivoluzione in vista per l’Ostetricia. La direzione del reparto materno-infantile sarà a Dolo. Per altri due anni i bambini continueranno a nascere a Mirano. «Entro e non oltre l’anno 2015 l’attività ostetrica deve essere svolta esclusivamente nell’ospedale di Dolo». Alla voce Noale l’indicazione più drastica: dismesso. Il Pietro Fortunato Calvi, in realtà, non sarebbe più catalogato come “ospedale”, ma diventerebbe “ospedale di comunità”, una struttura residenziale o semiresidenziale in grado di garantire un’assistenza sanitaria di breve durata. Servirebbe a quei pazienti che, pur non avendo patologie acute, non possono essere assistiti in casa in modo adeguato. Queste, almeno, indicazioni fornite finora. Ma se dagli attuali 3 primariati e 82 posti letto si passa, come indicato nella bozza di schede, a zero apicalità e zero posti letto nel 2015, qualcuno comincerà a preoccuparsi. Non è escluso, però, che dietro questi numeri si sia una riorganizzazione: si spiegherebbe così il passaggio dagli attuali 254 ai 302 posti letto previsti a Mirano nel 2015.

Asl 14 Chioggia. Per il presidio ospedaliero di rete di Chioggia restano sostanzialmente inalterati apicalità e numero di posti letto: le prime passano da 18 a 15, i secondi da 213 a 223.

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui