Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Dolo “L’ospedale non va dimezzato”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

10

gen

2013

Il Comitato Marcato: servizi e reparti chirurgici devono restare

DOLO. Proseguono le mobilitazioni per la salvaguardia dell’ospedale di Dolo. Ad attivarsi sono Francesco Sacco, Antonino Carbone, Giovanni Urso e Gino Bedin del comitato “Bruno Marcato”, che chiedono con forza che l’ospedale di Dolo rimanga per “acuti”.

«Non vogliamo che l’ospedale di Dolo diventi solo un ospedale per attività medica e riabilitativa», spiegano, «l’Asl 13 potrà mantenere la sua identità solo se rimarranno a Dolo, oltre ai reparti di attività medica, anche quelli di Chirurgia, Urologia, Ortopedia, Ostetricia-Ginecologia, Pediatria e Oculistica».

Viene poi lanciato un appello ai sindaci della Riviera e alla Conferenza dei sindaci:

«Li invitiamo a rivolgersi ai dirigenti politici regionali della Lega e del Pdl per tutelare l’ospedale di Dolo e per mantenere i servizi esistenti».

Il comitato Marcato ha poi annunciato di voler iniziare un volantinaggio oltre a chiedere un incontro con il nuovo direttore generale Gino Gumirato. Nel frattempo otto consiglieri comunali di Dolo (Alberto Polo, Vincenzo Crisafi, Gianluigi Naletto, Adriano Spolaore, Gianni Lazzari, Andrea Zingano, Giorgio Gei e Stefano Uva) hanno presentato ieri una richiesta di convocazione urgente del Consiglio comunale con un unico punto all’ordine del giorno:

“Ospedale di Dolo: quale destino per la Sanità nella Riviera del Brenta”. «Considerate le anticipazioni delle schede ospedaliere», si legge nella richiesta, « e tenuto conto della forte preoccupazione dei cittadini e di chi lavora nell’Asl 13 riteniamo indispensabile che questa seduta sia convocata con il carattere dell’urgenza».

Giacomo Piran

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui