Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – Malcontenta, Moranzani, arriva la discarica

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

13

gen

2013

Entro due mesi il primo lotto che ospiterà i fanghi scavati dai canali

MARGHERA. Ormai la strada è spianata. Il ministro dell’Ambiente, Corrado Clini, ha firmato il decreto che certifica il parere favorevole della Commissione regionale per il Via: entro i prossimi due mesi comincerà a prendere forma il Vallone Moranzani, come prevede l’Accordo di Programma sottoscritto nel 2008 per la gestione dei fanghi di dragaggio dei canali di grande navigazione e la riqualificazione ambientale, paesaggistica, idraulica e viabilistica dell’area di Malcontenta-Marghera. Su questa vasta area affacciata su via dell’Elettronica a Malcontenta, già occupata da vecchie discariche ed interessato dalle citate linee elettriche ad alta tensione di Terna ed Enel che dovranno essere interrate, sorgerà la mega-discarica di fanghi scavati dai canali su cui verrà poi realizzato un parco urbano attrezzato di quasi 20 ettari con tanto di collinetta alta 14 metri.

La realizzazione della discarica e la gestione degli impianti di trattamento è stata affidata dalla Regione a Sifa (la società concessionaria della Regione per la realizzazione e gestione del Progetto Integrato Fusina) che in attesa dell’interramento degli elettrodotti utilizza le vasche di raccolta provvisoria dei fanghi inquinati scavati dai canali navigabili realizzate nell’area dei cosiddetti “23 ettari” dal Magistrato alle Acque. Secondo il cronogramma aggiornato dal Commisario delegato all’escavo dei canali, Roberto Casarin, la prima fetta di discarica che sarà realizzata sarà in grado di ospitare 60 mila metri cubi di fanghi catalogati “Oltre C” (molto contaminati). Dopo di che, mano a mano che saranno interrate le tre linee elettriche aeree, la discarica sarà progressivamente completata, con tanto di vasche di ricezione e disidratazione e un nuovo e avanzato impianto di stabilizzazione dei fanghi che saranno stoccati nel Vallone Moranzani.

Il consiglio comunale ha fissato due importanti appuntamenti per il Vallone Moranzani. Il primo è in programma domani con l’esame dell’allegato, già autorizzato, che riguarda la sperimentazione delle procedure di trattamento dei fanghi. Secondo appuntamento giovedì 17 gennaio, alle ore 9.30 a Ca’ Farsetti, per una audizione, in commissione congiunta, del commissario uscente, Roberto Casarin. (g.fav.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui