Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

GRANDI NAVI & PORTO – Appello del Comitato

Ad un anno dalla sua fondazione, il Comitato No Grandi rilancia la sua battaglia. E questa volta, durante l’assemblea del Comitato che si è tenuta ieri al Laboratorio Morion è stato lanciato un appello al consiglio comunale che si riunirà oggi nella sala consiliare di via Palazzo a Mestre affinché si blocchi la votazione sul “maxiemendamento” relativo alla riorganizzazione della mobilità e urbanistica della zona di San Basilio.
Una vicenda che, come è noto, ha coinvolto molto la città in questi giorni e soprattutto dopo l’accordo di programma tra Comune e Autorità portuale per quel che riguarda la ridefinizione degli spazi nella zona di Santa Marta e dell’attuale Stazione Passeggeri.

«Chiediamo al sindaco e ai consiglieri – sottolinea il portavoce del Comitato No Grandi Navi, Silvio Testa – di accantonare il progetto fin qui discusso e di affrontare questa questione quando si saranno trovate le soluzioni adeguate per un riassetto urbanistico della zona compatibile e soprattutto senza stravolgere le indicazioni previste attualmente dal Piano regolatore generale. Solo dopo aver trovato la conformità con questi provvedimenti, il tema dell’Accordo di programma potrà nuovamente essere preso in esame».

In occasione della “visita” al consiglio comunale di oggi, il Comitato No Grandi Navi chiederà anche ufficialmente un incontro al sindaco su queste questioni e porrà all’attenzione anche la vicenda del Piano triennale del Porto e la prossima riunione del Comitato paritetico prevista per mercoledì 16.

«Chiediamo chiarezza e rispetto – aggiunge Testa – anche per un’altra vicenda: quella delle notifiche giunte in questi giorni a ben 47 persone che hanno partecipato a vario titolo alla manifestazione contro le “grandi navi” in Bacino di San Marco. É inspiegabile il comportamento che si è tenuto in questi mesi di fronte ad una manifestazione che intendeva ed è stata pacifica e che ha coinvolto la cittadinanza».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui