Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Mirano. Ca’ Perale, ecco il piano

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

23

gen

2013

MIRANO – Nel sito del Comune tutte le fasi del progetto di recupero

Diventerà un polmone verde non fruibile al pubblico, lavori entro il 2013

MIRANO – Un’area boscata perimetralmente, un grande prato fiorito nella collina centrale: il progetto di ricomposizione ambientale della discarica di Ca’ Perale prende forma. La settimana scorsa Comune di Mirano e Veritas hanno promosso un incontro in cui l’assessore all’Ambiente Federico Vianello ha illustrato le idee dell’amministrazione e le osservazioni pervenute. L’area in via Taglio ha ospitato dal 1988 al 1996 una grande discarica con all’attivo oltre 400mila tonnellate di rifiuti solidi urbani stoccati. Nel 2004 la Regione, con fondi messi a disposizione dalla legge speciale per Venezia, ha previsto un finanziamento di 4,9 milioni per messa in sicurezza e ricomposizione ambientale del sito, il progetto definitivo è stato approvato nel 2009 e ora è il momento di passare dalle carte ai fatti. Il processo decisionale ha coinvolto i residenti (che a pochi passi dalle loro case hanno visto sorgere il Passante e ora l’elettrodotto Terna) ha preso subito una direzione chiara e condivisa: la realizzazione di una folta area boscata con una funzione prevalentemente paesaggistica-ambientale. Tutti d’accordo contro la realizzazione di un parco urbano fruibile ai cittadini vista la vicinanza dell’autostrada.
In via Taglio sorgerà dunque un polmone verde, in una vasta area di circa sei ettari. L’associazione «Punto d’Incontro» ha proposto e la realizzazione di un impianto fotovoltaico, da Comune e Veritas non è arrivato un «no» categorico e nelle prossime settimane sarà valutata la fattibilità tecnica-finanziaria di un simile intervento; poche però, le porbabilità che questo tipo di progetto si concretizzi.
L’intervento partirà nella seconda parte del 2013, nei prossimi mesi il piano di lavoro sarà delineato. La scorsa estate è scattata la fase di messa in sicurezza, ora tocca alla riqualificazione. Sul sito internet del Comune è stata creata una dettagliata sezione con storia della discarica, osservazioni pervenute, stato del progetto e documentazione fotografica.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui