Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

In programma domani un incontro chiesto dai Comuni di Martellago e Scorzè

Si terrà domani all’Anas di Mestre l’incontro chiesto dai Comuni di Martellago e Scorzè e dal Consorzio Acque Risorgive per definire gli ultimi aspetti del casello: i lavori sono appena iniziati. In primis, il progetto della complanarina dalla Moglianese, arteria aggiunta in secondo tempo che dovrà seguire un iter a parte, e la mitigazione ambientale, specie il progetto del bosco verso Cappella che dovrà fungere anche da area di mitigazione idraulica. «La procedura di queste opere va conclusa con urgenza, i lavori devono essere contestuali al casello» spiega il sindaco di Scorzè Mestriner, auspicando anche la contemporanea realizzazione della tangenziale sud, «che risolverà i problemi di viabilità di Scorzè e va costruita in funzione del casello». «Chiederemo il rispetto degli impegni assunti dal Commissario Vernizzi sulla complanarina e le opere di mitigazione» aggiunge il collega Brunello, che benedice l’inizio dei lavori. «La variante di Robegano ha già deviato il traffico pesante da via Roma. Quando il casello e la tangenziale nord saranno ultimati, toglieremo tutti i camion anche dal centro di Martellago».

Nicola De Rossi

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui