Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Verdelitorale critica il progetto per la marittima nel canale

CAVALLINO.

«Un porto per navi da crociera nel canale di San Nicolò è irrealizzabile perchè mancano gli spazi di manovra e l’escavazione del Bacàn comporterebbe una corrente di un fiume in piena verso la laguna stravolgendo tutto il bacino Nord».

Il presidente degli ambientalisti associati a Verdelitorale, Gianluigi Bergamo, critica pesantemente l’ipotesi di un porto per le grandi navi passeggeri alla bocca di porto di San Nicolò.

«L’idea della costruzione di un porto a Punta Sabbioni», sostiene Bergamo, «sarebbe la morte della pineta Sic e di tutto il suo habitat e pure della spiaggia libera. La creazione del porto in fatti comporterà anche la creazione di servizi come parcheggi, magazzini, area passeggieri, area merci, cementificando tutta la zona. Se da questi interventi il cuore del porto ne uscirà valorizzato, l’indotto più esterno dell’intervento porterà solo un forte degrado».

«Altro punto negativo per Cavallino-Treporti», continua Bergamo, «sarebbe la viabilità quotidiana affaticata da arrivi e partenze. Per tutto l’anno saremo invasi da un vero e proprio fiume di autoarticolati di merci e servizi, con relativi smog e inquinamento, utili a caricare e scaricare le navi, capienti come piccoli comuni con a bordo anche oltre 5000 passeggeri. Da ricordare che una grande nave inquina con il suo scarico come 14.000 auto, quindi come portare una tangenziale di Mestre in laguna accanto ad un’area d’interesse comunitario e una zona patrimonio».

(f.ma.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui