Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Mira. Le Terre Rosse restano bloccate

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

6

feb

2013

MIRA – La Nekta sollecita la Provincia per l’impianto di conferimento delle polveri

«Senza autorizzazione non possiamo operare»

Le «Terre Rosse» rischiano di rimanere tali ancora per molto tempo. La sentenza del Tar ha recentemente sbloccato la situazione ma ora c’è un nuovo intralcio.
Il problema ora è che Nekta non può realizzare l’operazione di pulizia visto che manca l’autorizzazione per l’impianto di smaltimento delle polveri previsto tra San Donà e Noventa di Piave.
Il Tar Veneto, infatti, ha accolto la richiesta da parte di Nekta Servizi di pronuncia di inammissibilità del ricorso proposto da Orinoco srl.
«È stata una bella soddisfazione – dicono i legali di Nekta Servizi srl – perché il Tar ha sancito la legittimità della delibera con la quale la Regione Veneto ha autorizzato l’impianto di recupero delle ceneri di pirite sulla base della valutazione di impatto ambientale che ne appurato la legittimità e la sua necessità».
Per Nekta ciò certamente apre la soluzione ad una questione ambientale, che affligge gran parte del territorio della provincia veneziana e che consentirà di recuperare questo materiale che attualmente, in quanto abbandonato, ha un impatto ambientale ed economico particolarmente oneroso per tutta la comunità. «Al contrario – fanno sapere i legali del gruppo – l’attività svolta da Nekta Servizi srl, già vagliata da tutti gli organi preposti, mira alla tutela dell’ambiente e del territorio».
Ma attaccano: «Non si capisce infatti, l’ostilità manifestata dal Comune di San Donà di Piave nonché da quello di Noventa di Piave ed infine dalla Provincia (anche se il suo Presidente è lo stesso sindaco di San Donà di Piave) in quanto tale impianto non solo potrebbe risolvere in via definitiva un problema ambientale di enormi proporzioni, ma anche creare risorse ed opportunità nuove di lavoro per la nostra comunità e soprattutto per la zona del sandonatese».

Gianluigi Dal Corso

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui