Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

DOLO. Si è svolta la prima assemblea annuale del comitato Opzione Zero, presieduto da Mattia Donadel, dove erano presenti tutti gli attivisti e i simpatizzanti.

«L’iniziativa», spiegano le portavoce Rebecca Rovoletto e Lisa Causin, «è stata un’occasione di incontro con persone e realtà impegnate nella tutela del territorio e dei beni comuni».

La serata ha permesso al comitato di presentarsi ripercorrendo la sua storia, iniziata nel 2004 sulla vertenza della Romea Commerciale, poi proseguita all’interno del coordinamento Cat fino al 2012, con le battaglie contro Veneto City, Camionabile, Polo Logistico di Giare ed Elettrodotto Dolo – Camin.

«Ora Opzione Zero non aderisce più al Cat», precisano Rovoletto e Causin, «e si sta sviluppando in autonomia. Il comitato intende allargare la partecipazione alle proprie assemblee a tutti quanti avranno il tempo, la voglia e la curiosità di cominciare assieme a noi un percorso di attivismo propositivo, che contrasti i continui attacchi al territorio e alle comunità».

(g.pir.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui