Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

VENEZIA. Il Comitato NO Grandi Navi – Laguna Bene Comune ha festeggiato a modo suo il Martedì Grasso consegnando alla Capitaneria di Porto le oltre 12 mila firme raccolte per dire no a un modello di crocerismo ritenuto incompatibile con la sicurezza della città, la salute dei cittadini, il recupero morfologico della laguna. Alla sede della Capitaneria, alle Zattere, sono arrivati vestiti in maschera, come si addice all’ultimo giorno di CarNevale. Il corteo mascherato, partito poco dopo le 15 da campo Sant’Angelo – dove era allestito uno stand No Grandi Navi, ospiti di CarnevalAltro – ha attraversato Santo Stefano, Accademia e Zattere, con bandiere, striscioni, trombe e fischietti e, raggiunta la sede della Capitaneria, ha tenuto un breve presidio mentre una delegazione protocollava il plico delle firme destinate all’ammiraglio Tiberio Piattelli. La petizione chiede l’immediata estromissione dalla laguna delle navi oltre le 40 mila tonnellate di stazza lorda affrontando da subito le soluzioni definitive – si legge – «evitando devastanti soluzioni provvisorie come lo scavo del Canale Contorta Sant’Angelo o l’allargamento del Canale dei Petroli».

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui