Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Mirano. Il Movimento 5 Stelle: «Non può gestire le infrastutture occupandosi anche di ambiente e paesaggio»

«L’ingegnere Silvano Vernizzi si trova in una posizione di conflitto d’interesse: non può contemporaneamente gestire le infrastrutture e ricoprire gli incarichi di autorità competente per l’ambiente ed il paesaggio».

L’accusa parte dal gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle di Mirano, che ha presentato una mozione chiedendo alla giunta Pavanello di esprimersi a riguardo nel prossimo consiglio comunale. Il documento è firmato dai consiglieri Marco Marchiori, Martina Pasqualetto e Antonio Milan. Secondo il 5 Stelle la stessa persona non può interessarsi della realizzazione di rilevanti opere viabilistiche e poi coordinare le strutture regionali che sono tenute a decretare pareri e autorizzazioni in tema paesaggistico-ambientale.

Vernizzi, già Commissario per il Passante di Mestre, attualmente è amministratore delegato di Veneto Strade, la società che si occupa di progettazione, manutenzione ed esecuzione di interventi sulla rete stradale regionale.

Un ruolo di primo piano, dunque, a cui se ne affiancano altri.

L’ingegnere è infatti pure Segretario Regionale alle Infrastrutture, e nella mozione sono dettagliatamente citate tutte le strutture che secondo i consiglieri sarebbero state artificiosamente poste alle dipendenze del Segretario: Vinca (Valutazione Incidenza Ambientale), autorizzazione paesaggistica, Via (Valutazione Impatto Ambientale) e Vas (Valutazione Ambientale Strategica).

Il conflitto sarebbe dunque tra le competenze ambientali e quelle infrastrutturali.

«Quelle ambientali dovrebbero fare capo al Segretario per l’Ambiente – sostengono gli attivisti del 5 Stelle -. L’attribuzione delle competenze di valutazione ambientale all’unico superpotere che decide le infrastrutture nella Regione ha sicuramente riflessi negativi sul nostro territorio – proseguono -. Con questa presa di posizione non vogliamo certo bloccare gli investimenti: ci aspettiamo invece che le valutazioni di un’autorità terza diano il giusto rilievo ad opere meno costose e meno impattanti sull’ambiente».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui