Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Portogruaro, No-Tav ancora in piazza

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

10

mar

2013

«Bertoncello convochi il tavolo tecnico»

PORTOGRUARO – I No Tav in piazza celebrano il “funerale della partecipazione cittadina”. Nella giornata di mobilitazione informativa che si è svolta ieri mattina in piazza della Repubblica, il gruppo No Tav ha distribuito un volantino listato a lutto che annunciava,

«dopo un anno di sofferente attesa, la morte della partecipazione cittadina».

Sotto accusa, ancora una volta, il sindaco Antonio Bertoncello, ritenuto colpevole di non aver ancora dato risposta alla richiesta di convocare associazioni, comitati, partiti, forze politiche e tutte le realtà del territorio portogruarese interessate ad affrontare la questione Tav e a partecipare ad un tavolo tecnico che affronti, con dati e cifre, la reale utilità dell’opera.

«Da quella richiesta – hanno spiegato i promotori della mobilitazione – è passato un anno e, nonostante i molti solleciti, aspettiamo ancora delle risposte. Restiamo convinti che nel nostro territorio la domanda è orientata su servizi regionali e non su servizi a lunga percorrenza. Le direttive dell’Unione Europea non citano la necessità di costruire linee ad Alta Velocità, bensì richiedono il miglioramento e adeguamento delle infrastrutture al fine di accrescere il traffico ferroviario per ottimizzare e facilitare lo spostamento di persone e di merci all’interno del territorio europeo».

(t.inf.)

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui