Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Richiesta di 61 euro ad Alberto Guariento per non aver pagato Oriago-Mestre «O mi accusano di aver sfondato la sbarra oppure dicano che non è più gratis»

SPINEA. «Lei non ha pagato l’autostrada, ora ci deve 61 euro». Questa la lettera arrivata a un cittadino di Spinea nei giorni scorsi. Passi il fatto che uscire dal casello senza sfondare la sbarra è materialmente impossibile, a rendere tutto più grottesco c’è un altro fatto: il tratto in questione è quello liberalizzato, quindi gratuito, della A57 da Mira-Oriago a Mestre-Villabona.

Non è proprio un bel periodo per Cav, Concessioni autostradali venete, che dopo una settimana di contestazioni a Vetrego per la questione del tornello, ora manda a casa di un automobilista una richiesta di pagamento di un pedaggio inesistente.

Protagonista incredulo della vicenda è Alberto Guariento, volto noto del Teatrino Zero di Spinea, che giovedì si è visto recapitare una lettera di Cav che lo imputa di non aver pagato il pedaggio a Villabona.

«A parte il fatto che non capisco come avrei potuto tirare dritto al casello», afferma il malcapitato, «e considerando che non possiedo né il Telepass né la Viacard, o mi si accusa di aver distrutto la sbarra, come in un film americano, oppure qualcuno crede che sia uscito attraverso i campi».

Fatto sta che Guariento deve pagare 61 euro entro 15 giorni dalla data di ricevimento della lettera. Gli estremi rimandano tutti alla sede Cav di via Bottenigo a Mestre.

La missiva fa riferimento a un viaggio fatto in autostrada da Guariento il 2 dicembre scorso. «Quel giorno in autostrada ci sono entrato davvero», spiega l’automobilista, «per andare a pranzo dalla mia morosa. Ma sono entrato a Oriago e uscito a Mestre, dove non è dovuto alcun pedaggio, almeno così aveva stabilito Cav».

Il tratto è infatti quello liberalizzato della vecchia A4, ora A57: nessuno che entri a Mira-Oriago, come anche a Mirano-Dolo e sia diretto a Mestre, deve pagare il ticket, tanto che a Villabona sono anche riservate alcune porte a chi proviene da questi caselli liberi. Due le possibilità: o Cav imputa a Guariento una furbizia (alcuni sostengono che sia possibile accodarsi in uscita alla porta Telepass a meno di mezzo metro dal veicolo che precede, sfruttando così la sbarra alzata per alcuni secondi), oppure si tratta di un errore, di uno scambio di persona, o meglio di targa, come accade talvolta in caso di contravvenzioni. Ovviamente Guariento giura di non aver fatto alcuna furbizia: «Che senso avrebbe se il pedaggio era gratuito?». E per questo motivo non intende pagare un euro: «È una situazione assurda, non ho intenzione di pagare per un disservizio».

Filippo De Gaspari

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui