Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Riviera. Barbabietole, semine saltate

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

20

mar

2013

RIVIERA – Campi impraticabili e i coltivatori restituiscono le sementi

Allarme Coldiretti: troppo piogge, perso fino al 50% della stagione

La stagione agricola 2013 della bieticoltura nei territori della Riviera del Brenta e del Chioggiotto rischia di andare in fumo. Anzi, secondo le due segreterie della Coldiretti di zona, Dolo e Chioggia, la semina sarebbe già stata compromessa e molti agricoltori che avevano firmato il precontratto di conferimento delle barbabietole agli zuccherifici, avrebbero riconsegnato ai consorzi agrari le sementi inutilizzate.
Tutta colpa delle abbondanti precipitazioni che da oltre due mesi hanno imbevuto a dismisura i terreni, non permettendo in tal modo agli agricoltori di affinare il fondo per la semina. Il terreno lavorato avrebbe dovuto essere pronto a febbraio, ma a causa delle insistenti piogge non è stato possibile nemmeno entrare nei campi con i mezzi agricoli. «La semina della barbabietola da zucchero non ammette deroghe – spiega Michele Perrin, segretario di Coldiretti Dolo – e deve necessariamente essere effettuata entro il 15 marzo, essendo una coltura molto esigente in termini di preparazione del terreno per consentire al seme un rapido germoglio».
Le abbondanti precipitazioni degli ultimi tempi, però, non hanno consentito tale lavorazione e ora la semina dovrebbe necessariamente slittare ad aprile, ma con risultati nettamente inferiori come qualità e quantità. La semina ritardata, anche se fatta con sementi del tipo precoce, darebbe infatti una produzione nettamente inferiore, con una perdita del raccolto di barbabietole che si aggirerebbe dal 30 al 50% in meno, a seconda del tipo di terreno.
Un calo che rischia di ricadere su tutta la filiera dello zucchero. I terreni coltivati a barbabietola da zucchero in Riviera del Brenta e nella fascia fino a Chioggia sono all’incirca 500 ettari, con una produzione approssimativa di 350mila quintali. Secondo Coldiretti, infatti, saranno pochi gli agricoltori che opteranno per la semina di barbabietole da zucchero di tipo precoce. La gran parte opterà per mais e soia per salvare almeno la stagione.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui