Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Scorze’, “Terna e’ arrogante”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

22

mar

2013

SCORZÈ – Il sindaco contro l’azienda elettrica che annuncia la fine della “concertazione” con i Comuni fra tre mesi

Elettrodotto entro l’anno

«Forse Terna soffre di una “incontinenza compulsiva”. Sui campi vuole segnare il territorio anche se l’aveva già delimitato poco prima». Il sindaco di Scorzè Giovanni Battista Mestriner non riesce a trattenersi di fronte all’ennesimo comunicato emanato da Terna sull’elettrodotto trasversale in Veneto in cui si annuncia che nei prossimi mesi, ma comunque entro fine giugno, si chiude la concertazione con gli enti locali e l’opera sarà avviata in autorizzazione entro dicembre 2013.
«Finora non ho ricevuto nulla – dice il sindaco -, ma non posso che sottolineare l’ennesima arroganza di Terna. Inutile ricordare tutte le delibere comunali, i documenti firmati con gli altri sindaci dei comuni limitrofi e inviati in Regione. Siamo contrari all’elettrodotto per il sistema di trasmissione a 380 kV e con Terna non abbiamo concordato alcunché» . Per il sindaco l’azienda elettrica non può decidere sulla testa dei cittadini: «I rappresentanti del territorio siamo noi sindaci e solamente il territorio può decidere opere infrastrutturali così importanti – afferma Mestriner -. E Terna non può essere nostro interlocutore: è con la Regione Veneto che abbiamo iniziato un ragionamento e aspettiamo di aprire un confronto con la Regione». Il sindaco si dice convinto che la Regione consideri l’elettrodotto trasversale in Veneto né utile né strategico. «Terna – dice ancora il sindaco – dovrebbe smettere di sentirsi titolare di un potere perché èsolo una società per azioni che prende ordini e non li dà». Ma Terna, da parte sua, sostiene di aver inviato a tutti gli enti coinvolti dal passaggio dell’elettrodotto una lettera che comunica che fino alla fine di giugno sarà ancora possibile per i Comuni concordare un’ottimizzazione del progetto e firmare un accordo formale.

Renzo Favaretto

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui