Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuova Venezia – “Il giudice di pace deve restare a Dolo”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

22

mar

2013

delegazione dei sindaci in tribunale

DOLO. I sindaci della Riviera del Brenta si mobilitano a favore della permanenza del Giudice di pace a Dolo. Lunedì i primi cittadini hanno incontrato il presidente del Tribunale di Venezia per discutere del mantenimento a Dolo degli uffici. «Tutti i sindaci hanno ribadito la volontà che l’ufficio del Giudice di pace rimanga a Dolo», spiega il sindaco Maddalena Gottardo, «adesso dovremo fornire delle informazioni e documentazioni più precise soprattutto relativamente ai costi, perché i Comuni dovranno farsi carico sia dei costi della struttura che del personale necessario per il funzionamento degli uffici». Per questo è stata chiesta la collaborazione degli avvocati. «Adesso stiamo aspettando una relazione da parte degli avvocati che ci dicano esattamente qual è la dotazione organica e strumentale. Quando avremo questi dati, prepareremo un documento che dovrà essere approvato dalla Conferenza dei sindaci e poi dai Comuni del territorio. Abbiamo poco tempo perché il termine dei 60 giorni scade a fine aprile. Saranno i Comuni di Dolo e Chioggia a preparare la bozza di delibera che sarà poi approvata dai Comuni». Nei mesi scorsi gli avvocati e i cittadini che avevano sostenuto la permanenza a Dolo del Giudice di pace avevano sottolineato tra i problemi di un trasferimento a Venezia anche quella della scomodità. Anche i sindaci, recandosi a Rialto lunedì pomeriggio, hanno potuto tastare le difficoltà. «Ci abbiamo messo mezza giornata, sotto una bufera di vento e pioggia, trovando anche l’acqua alta e i vaporetti fermi», spiega Gottardo, «proviamo a pensare alle difficoltà che potrebbe affrontare una persona anziana che dovesse recarsi a Rialto. Si tratta di disagi anche in termini di costi».

Giacomo Piran

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui