Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – “Elettrodotto, il tempo sta per scadere”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

5

apr

2013

LE RAGIONI DEL NO  «Un progetto invasivo che ignora il territorio»

LA POLEMICA – Il tracciato dell’elettrodotto della Terna sta creando scompiglio tra i Comuni attraversati

IL CASO – Trenta chilometri di rete, un investimento di 96 milioni e il no di 13 comuni trevigiani e veneziani

Solo due mesi per un accordo con gli enti locali sull’opera

Sotto c’è il Passante di Mestre, sopra il tracciato della Pedemontana Veneta. In mezzo, a tagliare da Nord a Sud le province di Venezia e Treviso, l’elettrodotto trasversale da 380mila volts progettato da Terna per collegare due linee ad alta tensione che attraversano Veneto e Friuli. Basta un’occhiata sulla carta geografica per capire la contrarietà dei Comuni veneziani e trevigiani che accusano la società di voler imporre il progetto. Per i sindaci l’unico interlocutore istituzionale con il quale discutere dell’utilizzo del territorio è la Regione Veneto.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui