Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

L’architetto Mancuso: mai sottoscritto. E da Replay: nessun progetto definitivo di ampliamento per lo stabilimento

ASOLO –  È giallo sulla firma dell’architetto Francesco Mancuso in calce al Pat. Il professionista, assieme al collega Francesco Finotto e all’architetto Leopoldo Saccon, aveva ricevuto l’incarico dalla giunta leghista per la redazione del nuovo piano di assetto del territorio. Ma, in una lettera inviata all’amministrazione comunale, l’architetto sostiene di non aver mai sottoscritto la bozza del nuovo Pat e soprattutto di essere estraneo a qualsiasi attività svolta per la redazione dello strumento urbanistico, successivamente alla costituzione dell’associazione temporanea tra professionisti per partecipare all’assegnazione dell’incarico. A sollevare la questione sono i gruppi di minoranza di “Con te per Asolo” e “Insieme per Asolo” . Ieri hanno presentato un’interrogazione urgente al sindaco Loredana Baldisser. «Nella lettera l’architetto segnala di non aver mai sottoscritto la convenzione e nessuna analisi rispetto al Pat», osserva Insieme, «nonostante il suo nome compaia, a sua insaputa, in tutte le cartografie». Il gruppo di minoranza chiede alla giunta Baldisser quali iniziative prenderà nei confronti dell’ associazione temporanea di professionisti che ha avuto l’incarico della redazione del Pat visto il mancato rispetto delle clausole di assegnazione. Nell’interrogazione il capogruppo di ConTe, Franco Dalla Rosa, pone analoga domanda. Per Insieme è interessante capire «se l’amministrazione intende procedere con l’adozione del Pat in pendenza di questo elemento». E intanto dalla Replay prendono le distanze e riguardo all’ampliamento della Fashion Box parlano di pura ipotesi. A dichiararlo è lo stesso vicepresidente della Replay Fashion Box group, Attilio Biancardi. «Se dovesse esserci la necessità di ampliare la Fashion Box ne saremo ben felici», sostiene, «ma l’attuale momento del mercato ci impone di riflettere a fondo». Investimento in forse. E il Pat?

Vera Manolli

Il comitato convoca un’assemblea al Duse «Il sindaco venga a spiegare il piano»

ASOLO. Protesta no stop contro l’approvazione del Pat: il comitato Asolo Viva programma un’assemblea pubblica fissata per la prossima settimana al teatro Duse. «Alla serata inviteremo tutti», spiega Andrea Regosa, attivista del gruppo, «soprattutto sindaco e assessori». Un confronto diretto con presentazione del nuovo piano di assetto del territorio. E se il sindaco Loredana Baldisser non dovesse presentarsi? «Vorrà dire che la sedia resterà vuota», risponde Regosa, «La serata informativa potrebbe essere l’occasione giusta per spiegare a molti cittadini cosa sono il Pat e le sue funzioni». Giovedì mattina il comitato ha inviato una lettera alla giunta. «L’amministrazione comunale, con il rinvio dell’adozione del Pat, ha preso al balzo la possibilità di ritornare sui propri passi se non altro sotto il profilo dell’acquisizione del parere dei cittadini», scrive il comitato, « Se è vero che è stato dettato dall’esigenza e la voglia di un confronto con la cittadinanza, partecipate all’assemblea». (v.m.)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui