Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Nuovo esposto alla procura di Ambiente Venezia e comitati: continuano a inquinare l’aria

«Ci prendono in giro. L’accordo sui fumi è ancora inapplicato, e le navi continuano a spargere veleni sulla città». Ambiente Venezia e i comitati contro le grandi navi in laguna hanno presentato ieri un altro esposto alla magistratura. Un pacco di foto e video che documentano in modo inequivocabile l’uscita dei fumi neri dai camini delle ammiraglie di Costa e Msc al momento delle loro uscita dalla laguna.

«Per tutto il loro tragitto», scrive Luciano Mazzolin, «si vedono i fumi neri che poi ricadono sulla città. L’accordo tanto sbandierato sull’uso dei combustibili a basso contenuto di zolfo non è in vigore. La città continua ad essere inquinata».

Le foto documentano l’uscita, domenica pomeriggio, della Costa Fascinosa e della Msc Fantasia, la scia nera è evidente, la sagoma imponente delle grandi navi si staglia oltre lo skyline, più alta dei campanili.

«Chiediamo soluzioni immediate», dice Mazzolin, «qui si continua a parlare e la situazione ambientale peggiora». Sotto accusa ci sono i danni ambientali alla laguna, con i sedimenti che continuano a uscire in mare dopo il passaggio di navi che spostano 130 mila tonnellate d’acqua al loro passaggio. Ma anche danni alla salute, con i fumi dei camini e le onde elettromagnetiche dei radar, sempre in funzione. Anche quando la nave è ormeggiata i motori sono accessi, per garantire energìa a una città galleggiante di oltre 5 mila abitanti. «Anche qui il Comune e il Porto hanno promesso interventi che non si vedono».

Tutto fermo, comprese le alternative al passaggio delle grandi navi in laguna e davanti a San Marco. Il Porto ha proposto di scavare un nuovo canale, il Sant’Angelo Contorta, che consentirebbe alle grandi navi di entrare a Malamocco – per approdare comunque in marittima – e non più dal Lido. Ma anche questa, secondo gli ambientalisti, non è una soluzione, perché il traffico – e gli inquinanti – rimarrebbero all’interno della laguna. Meglio spostare il terminal in mare, a Punta Sabbioni o nel nuovo punto progettato per petroli e cargo al largo. Ma qui le compagnie da crociera hanno detto «no». E tutto resta come prima.(a.v.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui