Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

 

A Vigonovo la manifestazione promossa dai Comuni della Riviera del Brenta assieme ai comitati di difesa ambientale per chiedere l’interramento del tratto Dolo – Camin

VIGONOVO. La Riviera del Brenta si mobilita contro l’elettrodotto ad alto voltaggio Dolo-Camin. Questa mattina si tiene una manifestazione contro il progetto di Terna promossa dai Comuni di Vigonovo, Stra e Saonara con il coinvolgimento dei Comuni di Camponogara, Mira, Campagna Lupia, Campolongo, Fossò, Fiesso e Dolo e di decine di associazioni e comitati: Cat, Comitato vigonovese per la salvaguardia del territorio “Antonio Canova”, Associazione Cavalieri della Riviera del Brenta, festa del ciclismo e solidarietà di Galta, guardie ambientali d’Italia, associazione Noi di Galta, Orti Urbani Sarmazza, Pedaliamo per la vita, Polisportiva Vigonovese, associazione “Un nuovo orizzonte”, associazione Frequente Visive, Avis di Vigonovo, nido Alba di Vita, associazione Sarmazza, opera pia “Legato Barone Alpi Gaetano” e comitato per lo sport e tempo libero di Vigonovo.

Il progetto del Dolo-Camin, che fa parte del piano di razionalizzazione della rete elettrica ad alta tensione Venezia-Padova, prevede la costruzione di un elettrodotto aereo da 380 kw, lungo circa 15 km, che collegherà Dolo con Camin, oltre al riassetto di altre linee. Il territorio rivierasco però chiede che la linea sia interrata come avverrà per il progetto del Vallone Moranzani. Il programma della giornata prevede il ritrovo alle 10.30 sui tre ponti di Vigonovo che attraversano l’Idrovia: la passerella tra via Ariosto e via Garibaldi, alla fine di via Sagredo e alla fine di via Galilei. I sindaci si troveranno invece verso le 10 davanti al municipio di Vigonovo e partiranno in corteo in direzione delle chiuse dell’Idrovia. La manifestazione prevede che i partecipanti si tengano per mano formando una catena umana proprio nel tratto dove si prevede la realizzazione dell’elettrodotto aereo.

Per motivi logistici gli organizzatori invitano la cittadinanza a partecipare alla manifestazione e a raggiungere l’Idrovia se possibile in bicicletta o a piedi. La battaglia contro l’elettrodotto Dolo-Camin non si esaurirà domani. Martedì è prevista la sentenza del Consiglio di Stato dopo i ricorsi effettuati dai Comuni rivieraschi, dai comitati e dai cittadini che si sono opposti in questi anni al progetto promosso da Terna chiedendo l’interramento totale della tratta.

Giacomo Piran

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui