Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

VOLPAGO.

«Prendiamo l’esempio dei sindaci e dei cittadini della Riviera del Brenta e scendiamo in strada a manifestare contro Terna e il suo progettato elettrodotto aereo da 380mila volt»:

è l’appello che lancia Paola Tonellato, di “Volpago Ambiente”. Punta il dito anche contro l’amministrazione comunale attuale e passata per le vicende di questo elettrodotto.

«L’amministrazione di Volpago ha una responsabilità pesante su questa vicenda: senza confrontarsi con i cittadini, nel 2008 ha deliberato di accettare nel proprio territorio la stazione elettrica (un’area di 24 campi) e il potenziamento dell’attuale linea da 220 kv a 380 kv», dichiara, «e continua ora ad avere delle responsabilità in quanto non ha mai informato i cittadini di Selva, che la linea non si fermerà certo alla stazione ma attraverserà la frazione e tutto il Montello, per continuare fino a Belluno. È giunto il momento di essere chiari con i cittadini e con la Regione: nel nostro territorio diffusamente urbanizzato e dedicato all’agricoltura anche pregiata, le linee elettriche aeree non ce le possiamo permettere, gli elettrodotti vanno costruite interrati».

(e.f.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui