Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

MERCATO IMMOBILIARE

ROMA – Il mercato della casa crolla e torna ai livelli di quasi 30 anni fa. Con 150.000 compravendite in meno rispetto a un anno prima, nel 2012 l’immobiliare ha fatto segnare infatti il peggior risultato dal 1985. Anche i prezzi continuano a calare, così come gli affitti. Il panorama allarmante emerge dal rapporto immobiliare sul mercato residenziale nel 2012 realizzato dall’Agenzia delle Entrate in collaborazione con l’Abi e viene confermato anche dal sondaggio della Banca d’Italia sul primo trimestre di quest’anno. Lo scorso anno i volumi di compravendite delle case hanno registrato una riduzione del 27,5% rispetto al 2011 (a 448.364 numero di transazioni), con un calo inferiore per i capoluoghi (-24,8%), e maggiore nei comuni non capoluogo (-26,1%). A livello territoriale l’area del nord-est, dove si concentra il 18,3% del mercato nazionale, è quella che ha subito il calo più elevato delle compravendite nel 2012 rispetto al 2011 (-28,3%). I prezzi hanno registrato una riduzione del 2,7% e nel solo IV trimestre il deprezzamento è stato del 4,4% su base annua: la seconda maggiore riduzione dal 1980. E il calo continuerà nei prossimi mesi: per i primi 3 mesi 2013 l’Abi stima una contrazione dei prezzi pari all’1,1% sull’ultimo trimestre 2012. La situazione di un mercato che «resta debole» – confermata Banca d’Italia – anche se le aspettative a breve degli operatori hanno registrato un miglioramento rispetto all’inchiesta di gennaio.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui