Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Asolo. Chieste le dimissioni del sindaco

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

29

mag

2013

ASOLO – Ignorata la richiesta di un Consiglio sul Pat: la minoranza presenta una mozione di sfiducia

Mozione di sfiducia nei confronti del sindaco di Asolo, Loredana Baldisser: l’hanno presentata i consiglieri di opposizione Daniele Ferrazza, Moris Dametto, Franco Dalla Rosa, Gianmarco Brolese, Gino Gregoris, Enrico Primon, Nico Basso, Morris Silvestrini. È la conseguenza del comportamento del sindaco Baldisser in occasione del consiglio dell’8 maggio. I consiglieri di minoranza avevano chiesto una seduta straordinaria per il Pat, ma nessuno della maggioranza si è presentato ed anche il sindaco ha abbandonato l’aula dopo aver dichiarato che, come il resto del suo gruppo Lega Nord-Vita, non intendeva partecipare al consiglio. Ce n’era abbastanza, secondo i consiglieri di minoranza, «per dimostrare un’inammissibile ignoranza dei doveri istituzionali ed una grave violazione nel garantire il corretto funzionamento del consiglio comunale». I consiglieri hanno contestato al sindaco la mancata convocazione dei capigruppo nonostante varie promesse, di non vigilare sul funzionamento delle commissioni che da anni non vengono convocate e di non rispondere a interrogazioni e mozioni nei termini previsti dallo statuto. Ora la Baldisser è obbligata a convocare entro 30 giorni un consiglio comunale per discutere la mozione di sfiducia e rispondere ai consiglieri. La legge prevede poi che la mozione venga votata per appello nominale: la sua eventuale approvazione comporta la cessazione della carica del sindaco e della giunta, lo scioglimento del consiglio comunale e la nomina di un commissario.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui