Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

LE REAZIONI – Tutti contro l’allargamento dell’impianto che tratta i rifiuti 

MARGHERA – La mozione presentata dal consigliere della Federazione della Sinistra Veneta, Pietrangelo Pettenò, che impegna la Giunta regionale a riconsiderare il progetto presentato da Alles di revamping dell’impianto di ricondizionamento di rifiuti speciali, mozione approvata all’unanimità e che in pratica porta in direzione totalmente contraria a quanto in precedenza approvato dalla Giunta stessa, scatena una discussione ininterrotta.

«È un esito molto positivo», commenta il presidente della Municipalità di Marghera Flavio Dal Corso,che ieri sera ha proseguito la discussione con un incontro pubblico congiunto delle Commissioni di Marghera e Chirignago, «frutto della mobilitazione di tanti. Ci attendiamo che la Giunta regionale provveda al ritiro della delibera».

«Zaia e Conte», gli fa eco per il Pd di Marghera Antonio Cossidente, «Zaia e Conte prendano atto dell’importanza del voto e si attrezzino per ritirare la delibera».

«È un grido di dolore che il Consiglio manda a palazzo Balbi», aggiunge Gennaro Marotta, consigliere regionale di Italia dei Valori, mentre il Capogruppo Udc in Comune Simone Venturini aggiunge che «la sonora bocciatura rappresenta un importante segnale di ascolto dei territori, dei cittadini e del Comune. Il presidente Zaia, con un sussulto di responsabilità, prenda atto che a Venezia e a Marghera i cittadini non vogliono diventare la pattumiera del paese».

In Provincia, intanto, la quinta commissione ha votato la contrarietà all’ampliamento e a verificare se vi siano gli estremi per il ricorso al Tar. (ma.to.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui