Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

ASOLO – Italia Nostra scrive al ministro Bray per bloccare il Pat:

«Ci aiuti a salvare uno dei borghi più belli d’Italia».

La mobilitazione continua con la raccolta firme che arriva a quota 500. Quello di Italia Nostra è un appello a tutti quelli che hanno a cuore Asolo. Un appello contro il nuovo piano di assetto del territorio che la giunta Baldisser intende adottare.

«La sezione di Asolo di Italia Nostra lancia un appello a livello nazionale e internazionale affinché uno dei luoghi più apprezzati dai turisti per la bellezza e la sua cultura non venga distrutto dall’ennesima “speculazione immobiliare”».

Dopo aver incontrato il sindaco ed «aver ricevuto risposte molto vaghe», nei giorni scorsi ha raccolto e depositato al comune 496 firme contro il piano. Oltre che al ministro dei beni culturali ha anche inviato una lettera al governatore del Veneto, Luca Zaia, al presidente della Provincia Leonardo Muraro, alla Soprintendenza di Venezia e ovviamente al sindaco Baldisser. La risposta? «A oggi non è ancora arrivata». (v.m.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui