Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

DOLO

«Il nuovo progetto conferma e anzi rafforza la nostra contrarietà su Veneto City».

A dirlo è Maurizio Franceschi, direttore di Confesercenti Venezia, che si schiera contro il centro del terziario avanzato previsto tra Dolo e Pianiga. Confesercenti era stata tra le promotrici della petizione popolare che un anno e mezzo fa aveva visto raccogliere 11 mila firme contro Veneto City oltre a chiedere un ripensamento ai Comuni di Dolo e Pianiga e alla Regione Veneto.

«Il fatto che sia stato fatto un progetto che si presenta green, poco impattante e molto estetico», puntualizza Franceschi, «non nasconde il mostro che conosciamo e che c’è sotto».

Il rappresentante dei commercianti sottolinea una contraddizione:

«Sia nelle nuova legge regionale sul commercio, da poco approvata, che nella variante ambientale del Ptrc si parla del recupero del ruolo del commercio nelle città, di limitazioni nel consumo del suolo, di tutela del territorio. Gli accordi di programma sanciti dalla Regione, tra cui Veneto City, mostrano una contraddizione con i provvedimenti attuati negli ultimi mesi».

(g.pir.)

 link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui