Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Un’interrogazione del senatore Felice Casson al ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti e al ministro dell’Ambiente e della tutela del territorio e del mare per chiedere che alla riunione del 25 luglio vengano prese in esame le tre diverse proposte progettuali sul transito delle grandi navi in laguna, ovvero quella di Autorità portuale con lo scavo di un nuovo canale, quella di Cesare De Piccoli autore della proposta di un nuovo terminal crociere all’interno della bocca di porto del Lido in prossimità del molo nord evitando l’entrata in laguna delle grandi navi passeggeri, quella del sindaco Giorgio Orsoni che prevede l’allestimento di un nuovo terminal crocieristico a Marghera tracciando il percorso in laguna attraverso la bocca di Malamocco e i canali esistenti.
Casson chiede anche che nell’intraprendere le analisi e gli iter procedurali di confronto tra le diverse proposte si rispetti il Codice dell’ambiente, con gli aggiornamenti del decreto legislativo 128/2010 (procedure di valutazione di impatto ambientale, strategica, di incidenza ambientale, autorizzazione integrata ambientale) nonché alla legislazione speciale per Venezia e la sua laguna, per cui, qualsiasi intervento si assuma come soluzione al problema delle grandi navi crociera, essa deve tener nella debita considerazione il riequilibrio idrogeologico della laguna, l’arresto e inversione del processo di degrado del bacino lagunare e l’eliminazione delle cause che lo hanno provocato.
Il senatore ricorda che la preoccupazione per la situazione è già stata espressa con un’interrogazione parlamentare, a cui va aggiunto anche l’ultimo episodio avvenuto al largo di Chioggia con l’incendio della Zenith, 47mila tonnellate di stazza.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui