Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

 

IL RICORSO DEL COMUNE

Sarà discusso il 1° agosto dai giudici amministrativi del Tar Veneto il ricorso con il quale il Comune di Venezia ha impugnato – chiedendone l’annullamento – la delibera della giunta regionale che ha autorizzato il progetto di revamping dell’impianto di ricondizionamento rifiuti speciali e pericolosi della Alles-Azienda lavori lagunari escavo smaltimenti Spa, a Malcontenta. Un intervento contestatissimo dal Comune che – come anche la Provincia di venezia – aveva dato parere negativo al progetto: nella prima camera di consiglio, i giudici dovranno decidere se concedere o meno la sospensione dell’autorizzazione, in attesa di decidere nel merito del ricorso. L’impianto è stato autorizzato dalla Regione – con delibera 488 del 10 aprile – a bruciare 180 mila tonnellate di rifiuti annui al posto delle attuali 100 mila. È stata aumentata anche la tipologia di rifiuti da bruciare che passano da 20 tipi a 70. Nel motivare il ricorso, l’assessore all’Ambiente Gianfranco Bettin ha parlato di

«ragioni inestirpabili di preoccupazione e di opposizione: l’abnorme aumento dei codici, cioè del tipo di rifiuti trattabili, la loro provenienza dall’intero mercato globale dei rifiuti, come certifica l’autorizzazione, e la modifica autoritaria del Piano regolatore di Marghera».

Secondo Bettin

«grazie ad essa Porto Marghera rischia di diventare la pattumiera dei rifiuti tossici e nocivi di tutta Italia se non d’Europa e oltre. Ne deriverebbero un duro impatto sull’ambiente e sulla salute, uno stravolgimento delle linee di evoluzione dell’area che comporterebbe un vantaggio occupazionale minimo a fronte di un allontanamento delle attività sostenibili ambientalmente e competitive e innovative».

(r.d.r.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui