Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – “Treni, questo sistema e’ irriformabile”

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

10

ago

2013

Chisso condivide le proteste dei viaggiatori e annuncia il cambio: «Con l’orario cadenzato corse veloci a costi contenuti»

VENEZIA – I viaggiatori si lamentano. E hanno ragione. Parola di Renato Chisso, il Signor Trasporti della Regione Veneto, l’assessore che ha in mano il sistema della mobilità e del traffico. L’assessore che ogni anno multa Trenitalia trasformando le sanzioni in rimborsi a favore degli abbonati, adesso, di fronte alle ennesime segnalazioni di disagi, dice che il sistema va cambiato. Perché quello attuale è «irriformabile». Ma la ricetta il Veneto ce l’ha già: nuovi convogli e orario cadenzato.
Chisso prende spunto dall’ultima soppressione di una doppia corsa Venezia-Milano per dire che “questo” sistema di trasporti non va bene.«Le numerose segnalazioni di disagi e soppressioni estive di treni, tra le quali figura una doppia corsa di interregionale Venezia – Milano almeno per l’intero mese di agosto, il tutto senza possibilità di un reale controllo e di intervento concreto sulle cause, evidenziano una volta di più l’esigenza di cambiare sistema nella mobilità su ferro del Veneto, perché quello attuale è di fatto irriformabile». Di questi interregionali che servono anche Padova e Vicenza, l’assessore dice che hanno una «precaria esistenza» che «non risponde ad alcuna logica di cadenzamento e di efficienza di servizio, perché hanno orari a capocchia, materiale che non si può definire all’altezza e ritardi mostruosi specie nella tratta lombarda». «Sono convinto – dice Chisso – che i nostri pendolari non sappiano che farsene di treni di questo genere specie a fronte delle 13 nuove coppie di convogli nuovi e cadenzati che scorreranno dal 15 dicembre tra il capoluogo lagunare a quello scaligero, fermandosi a Vicenza, Padova e Mestre. Significa poter disporre di un treno veloce ogni ora in ciascuna direzione, con velocità di percorrenza e servizio compatibili con quelle delle Frecce, ma a costo molto più basso. A questi si aggiungeranno i regionali locali, in coincidenza nei capoluoghi e con fermate a tutte le stazioni. Io sto dalla parte dei pendolari e abbiamo lavorato per loro con le associazioni dei consumatori per trovare le risposte».

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui