Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

FIESSO – Riprendono questa mattina i lavori per la realizzazione della pista ciclabile e per la messa in sicurezza idraulica lungo la strada provinciale 12.

La strada, come anticipato nei giorni scorsi dalla Provincia di Venezia, rimarrà chiusa nel tratto di via Piove compreso tra il ponte sul Naviglio in località Paluello di Stra e l’intersezione con la Brentana. Il provvedimento di chiusura è dovuto per consentire l’abbattimento dei rimanenti tigli che costeggiano il lato della strada interessato dai lavori.

L’intervento è contestato da un gruppo di residenti e dal comitato fiessese “Difendiamo l’ambiente in cui viviamo” che sostengono che l’opera poteva essere fatta senza abbattere nessun albero, senza ampliare l’area già asfaltata, con un investimento inferiore rispetto ai 700 mila euro previsti e con una maggior manutenzioni del verde presente.

I residenti e i militanti del comitato fiessese, nelle scorse settimane, avevano distribuito un volantino e realizzato un video d’inchiesta per sensibilizzare la popolazione, oltre ad inviare un esposto agli enti interessati e due lettere alla presidente della Provincia e al sindaco di Fiesso.

Giacomo Piran

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui