Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Mattino di Padova – Pedemontana, digiuno di giunta a Marano.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

23

ago

2013

VICENZA. Un’intera giunta comunale, quella di Marano Vicentino, formata da sei amministratori, è pronta a sostituire don Albino Bizzotto, presidente e fondatore dell’associazione «Beati i costruttori di pace», nel digiuno, a sola acqua, che il sacerdote sta portando avanti da sette giorni a Padova per rendere nota l’emergenza ambiente in Veneto.

«A don Bizzotto – spiega il sindaco Piera Moro – abbiamo voluto portare non solo la nostra solidarietà, ma anche l’intenzione di sostituirlo nel suo digiuno, appena i medici lo obbligheranno per motivi sanitari a riprendere a mangiare. A quel punto inizieremo noi».

Ieri pomeriggio, intanto, sopralluogo sui cantieri della Superstrada Pedemontana Veneta da parte dell’europarlamentare Andrea Zanoni accompagnato da don Albino Bizzotto, Gianni Tamino, Elvio Gatto, Massimo Follesa e dai rappresentanti dei comitati che da sempre si battono contro la realizzazione di questa infrastruttura.

«Ci siamo resi conto con i nostri occhi della devastazione ambientale che si sta compiendo – spiega Andrea Zanoni – Questa è la Superstrada delle cave, c’è uno scenario apocalittico di straordinaria ferocia. Vi sono voragini profonde dieci metri e più».

Il sopralluogo ha toccato alcune tappe dove sono attivi i primi cantieri della Superstrada che sta realizzando la Sis – controllata dalla famiglia piemontese Dogliani e dagli spagnoli della Sacyr – da Montecchio Precalcino a Sarcedo.

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui