Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al Consiglio di Stato. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso Consiglio di Stato contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

MIRANO. Apre “La Piazza delle idee”: a settembre parte ufficialmente il percorso di partecipazione dei cittadini alle decisioni che riguardano Mirano.

Dal 2 settembre si terrà in municipio la prima fase di incontri per mostrare i documenti del nuovo Pat, Piano di assetto del territorio. Si tratta dell’esordio della progettazione collettiva della città futura, voluta dalla giunta. Per il 2013 l’obiettivo del percorso è proprio quello di integrare il documento preliminare del Pat con nuove proposte arrivate dai miranesi.

Nelle prime due settimane di settembre (dal 2 al 13, in orario 10-12.30) lo staff tecnico che ha redatto il piano territoriale sarà a disposizione per la consultazione pubblica del lavoro già svolto dagli uffici comunali. In contemporanea saranno raccolte proposte, suggerimenti e adesioni ai successivi laboratori di urbanistica partecipata.

«L’obiettivo», spiega il sindaco Maria Rosa Pavanello, «è instaurare un dialogo costante con i cittadini, le organizzazioni e le imprese, annotando le iniziative da intraprendere in un contesto nel quale le risorse ambientali, culturali ed economiche sono strategiche per lo sviluppo sostenibile del territorio». (f.d.g.)

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui