Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

 

padrin ieri a dolo

DOLO. Il presidente della Commissione Regionale Sanità, Leonardo Padrin, ha visitato ieri mattina l’ospedale di Dolo assieme ai consiglieri Pigozzo, Pettenò, Tesserin, Marchese, Furlanetto e all’assessore Stival. Al centro della discussione le schede ospedaliere e le osservazioni.

Padrin ha spiegato le peculiarità del piano sociosanitario aprendo alla possibilità di modificare le schede ospedaliere dell’Asl 13. «Il piano è uno strumento innovativo che guarda al futuro. Con le schede la giunta ha fatto una proposta e il consiglio deve lavorare per dare una prospettiva che offra certezze ai cittadini. Con il nuovo piano ci si recherà in ospedale solo per le emergenze o per gli interventi programmati, mentre per le altre necessità ci saranno le strutture territoriali».

Giovedì 5 settembre ripartiranno i lavori della V Commissione che analizzerà le osservazioni al piano. I primari hanno ribadito la preoccupazione per le schede ospedaliere: «Non siamo d’accordo con la rigida divisione Dolo medica e Mirano chirurgica», spiega Flora Alborino, «e con l’eliminazione di alcune unità operative complesse e primariati. È necessaria un’offerta sanitaria che sia geograficamente centrale e con una viabilità semplice».

Anche i sindaci hanno sollevato rilievi: per Giampietro Menin (Camponogara) Dolo e Mirano devono convivere e condividere i servizi.

Dopo l’incontro Bruno Pigozzo (Pd) ha sostenuto come l’Asl 13 «è un modello che funziona, non va stravolto e ha bisogno di risorse per garantire i servizi», mentre Pietrangelo Pettenò (Rifondazione) puntualizza che «le schede di dotazione ospedaliera per l’Asl 13 sono penalizzanti e vanno cambiate».

Giacomo Piran

link articolo

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui