Segui @OpzioneZero Gli aggiornamenti principali anche su Facebook e Twitter. Clicca su "Mi piace" o "Segui".

Questo sito utilizza cookie di profilazione, propri o di terze parti per rendere migliore l'esperienza d'uso degli utenti. Continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Per maggiori informazioni cliccare qui



Sostieni la battaglia contro l'inceneritore di Fusina, contribuisci alle spese legali per il ricorso al TAR. Versamento su cc intestato a Opzione Zero IBAN IT64L0359901899050188525842 causale "Sottoscrizione per ricorso TAR contro inceneritore Fusina" Per maggiori informazioni cliccare qui

Gazzettino – Casale. Discarica Coveri: addio al progetto.

Posted by Opzione Zero in Rassegna stampa | 0 Comments

13

set

2013

CASALE SUL SILE – (N.D.) Discarica Coveri addio. Triplo urrà per gli amministratori del Comune di Casale per la decisione della commissione via regionale (valutazione impatto ambientale) di “bocciare” la discarica per rifiuti di derivazione industriale (320mila tonnellate) che la ditta Coveri insiste da anni di voler realizzare nell’area agricola di via delle Grazie e Lugnignano. Progetto che nella primavera scorsa aveva avuto il via libera dalla stessa commissione Via con delle prescrizioni.

L’altro ieri la svolta. Il sindaco di Casale, Stefano Giuliato, e l’assessore alle politiche ambientali, Massimo Da Ros, sono stati convocato dalla commissione Via per ricevere la buona notizia dello stop del progetto della Coveri. Il pool di aziende che fanno capo alla Coveri non hanno presento entro i tempi previsti le documentazione richiesta dalla commissione Via. Raggiante ieri mattina l’assessore Da Ros all’uscita del primo giorno di scuola del figlio. «A questo risultato -commenta- siamo giunti grazie all’impegno dell’amministrazione, del comitato contro la discarica, degli ambientalisti, dei gruppi di impegno sociale che in questi anni si sono battuti a tutti i livelli per la difesa di un’area di pregio ambientale qual’è via delle Grazie a Lughignano nei pressi del Parco del Sile». Resta adesso da capire se la ditta Coveri intende ricorrere al Tar, per eventualmente ripresentare un nuovo progetto della discarica correlato di tutta documentazione richiesta.

Intanto l’amministrazione punta a realizzare un’oasi naturale nell’area di Lughignano. Si tratta di un ambiente naturale ricco di vegetazione e fauna a ridosso del bacino idrografico del fiume Sile che merita la massima salvaguardia. Anche l’eurodeputato Andrea Zanoni si è occupato della discarica che ha definito «un folle progetto». La raccolta firme del comitato Civiltà Sostenibile ha raccolto oltre 4mila sottoscrizioni contro la discarica.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Copyrights © 2012-2015 by Opzione Zero

Per leggere la Privacy policy cliccare qui